Caccia alle balene: il Giappone ne uccide 333 per “ricerca”

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionale, NewsCaccia alle balene: il Giappone ne uccide 333 per “ricerca”
0
(0)

Una flotta di 4 navi e’ tornata in Giappone dopo aver ucciso ben 333 balene in Antartide sempre con la solita scusa delle ricerca scientifica.

La quota di 333 belane e’ esattamente un terzo delle catture totali ammissibili che ha a disposizione il Giappone nell’ambito del programma promosso dall’ICR (Istituto giapponese per la Ricerca sui Cetacei) consente l’uccisione a scopo scientifico.
Anche se nel 2014 la Corte Internazionale di Giustizia dell’ONU aveva imposto imposto il blocco della caccia alle balene, il Giappone dopo aver fermato la caccia per un breve periodo ha richiesto un nuovo piano ed ha ripreso la caccia nel 2015. Negli ultimi 12 anni sono più’ di 4000 le balene uccise e tra queste sono diverse le femmine gravide catturate. Sembra infatti che delle 333 balene ben 207 portavano in grembo un cucciolo.
Dal canto loro i Giapponesi continuano a giustificarsi con la scusa che la popolazione delle balenottere minori rimane stabile in numero di esemplari e che la caccia serve a “conoscere meglio le rotte migratorie dei cetacei”.

La carne di balena e’ comunque ancora venduta nei ristoranti giapponesi motivo per cui i politici nipponici cercheranno di avere il sostegno per poter aumentare il numero in futuro il numero di esemplari cacciabili.
Una follia diciamo noi, come lo e’ anche tutta la storia del resto. Immettere sul mercato carne di balena etichettata come caccia a scopo scientifico, che di scientifico non ha nulla. Soltanto avidità’.

caccia alle balene giappone

La caccia alle balene nella storia

Già nel XII secolo i Giapponesi intrapresero questa tecnica di pesca utilizzando gli arpioni a mano ma in epoche piu’ remte le balene erano state mezzo di sostentamento per diversi altri popoli. Nel XVII secolo poi le strategie cambiarono e i cetacei venivano cacciati grazie ad apposite imbarcazioni che circondavano i memmiferi e cercando di farli spiaggiare. La balena veniva poi cosi utilizzata per produrre olio, sapone, fertilizzande e carne essicata.

Fu Juro Oka che nel periodo Meiji introdusse le baleniere a motore dopo un viaggio in Norvegia per carpire i segreti sulla cacia a questi cetacei. Nacque cosi nel 1899 la Nihon Enyo Gyogyo KK, la prima vera compagnia dedita alla sola caccia delle balene.Le baleniere cacciavano in tutto il territorio cercando di espandersi anche verso la Corea. Gia’ nei primi del 1900 si comincio’ a valutare gli effetti di questa pesca e nel 1932 venne firmata una convenzione per la regolamentazione della caccia alle balene. Tale convenzione fu totalmente ignorata da Giappone e Germania. La caccia continuo’ nel tempo anche se negli anni furono diversi gli accordi per cercare di mettere un freno a questa barbaria. La caccia alle balene riprendo in maniera ancora piu’ terribile nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale quando nacque la Kyodo Senpaku Co. Ltd (Sempre la stessa compagnia ma ampliata per catturate sempre più balene). A seguito della moratoria sulla caccia alla balena il Giappone creo’ ad HOC i programmi di ricerca scientifica nel Nord Pacifico e in Antartide cercando di dimostrare (invano) che la caccia scientifica potesse essere a supporto delle comunità scientifica. E, ad oggi sembra che nessuno li possa fermare.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal