Bomba di Nerano, stamattina e’ stata fatta brillare a 2 miglia dalla costa

Il Giornale dei MARINAI NewsBomba di Nerano, stamattina e’ stata fatta brillare a 2 miglia dalla costa
0
(0)

Bomba di Nerano, stamattina e’ stata fatta brillare a 2 miglia dalla costa

E’ un ordigno bellico inglese di 250 libbre quello ritrovato nei
giorni scorsi sul fondale. Le operazioni condotte dagli artificieri
dellamarina.Un sonar ha individuato l’assenza di branchi di
pesci. Avvertito anche l’Osservatorio Vesuviano. E’ stata fatta brillare stamattina la bomba rinvenuta sul fondale
di Nerano nei giorni scorsi. Il reparto sminatori della Marina
Militare, venuti appositamente da Taranto nei giorni scorsi, ha
portato a termine l’operazione alle 11h00. La Capitaneria di Porto
ieri aveva emesso un’ordinanza di interdizione alla navigazione
in un largo tratto di mare al largo di Marina del Cantone. Il
brillamento dell’ordigno bellico aereo della II guerra mondiale,
di circa 250 Libbre e di fabbricazione inglese, e’ avvenuto ad
una distanza di 2 miglia dalla costa al largo di Nerano e ad una
profondita’ di circa 800 metri. Al suo interno circa 120kg di
tritolo. Le operazioni non sono state affatto semplici. L’ordigno,
infatti, era incastrato tra le rocce ad una profondita’ di 7 metri
e molto vicino alla spiaggia. E’ stato disincastrato, imbracato e
sollevato su un’imbarcazione a 3 metri sopra il livello del mare.
Poi il natante si e’ portato, a velocita’ ridotta, a 2 miglia
dalla costa. Qui un sonar ha rilevato l’assenza di branchi di
pesci e solo allora si e’ calato l’ordigno a circa 800 metri
di profondita’. Quindi e’ stato azionato il detonatore.
E’ stato avvertito anche l’Osservatorio Vesuviano che
probabilmente ha registrato l’esplosione. Quest’anno sono
gia’ una dozzina gli interventi del genere in tutta Italia e, in
questi casi, non c’e’ altra possibilita’ se non quella
del brillamento. La bomba era stata individuata dal personale del
Parco Marino di Punta Campanella a seguito di operazioni di
manutenzione di una boa. Le operazioni quindi si sono concluse in
tempi molto brevi rispetto al ritrovamento, in modo da consentire il pieno svolgimento delle attivita’ turistiche di Marina del
Cantone. ” Siamo riusciti a risolvere il problema in tempi rapidi grazie al lavoro della Capitaneria di Porto e della Marina Militare- dichiara il Presidente del Parco Marino, Davide Gargiulo- L’intervento ha scongiurato possibili pericoli e ora gli esercenti turistici di Marina del Cantone potranno riprendere le loro attivita’ in tutta sicurezza”.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino