• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:25 Gennaio 2023

In Antartide, un iceberg di 1550 km  si è staccato  dalla Brunt Barrier, un grande ghiacciaio. Il cambiamento climatico potrebbe non essere il responsabile, dicono gli esperti.

La nuova specie è stata individuata in una gro

Un iceberg la cui area è quasi 15 volte quella di Milano

L’evento si è verificato il 22 gennaio 2023, tra le 20:00 e le 21:00 ora italiana. Le crepe si erano sviluppate naturalmente negli ultimi anni sull’enorme struttura di ghiaccio spessa 150 metri. ” L’iceberg si è distaccato quando la crepa nota come Chasm-1 si è completamente estesa attraverso la banchisa, spiegano in un comunicato stampa pubblicato il 23 gennaio 2023 da British Antarctic Survey (BAS), un’organizzazione dedicata alla ricerca in Antartide, e una delle cui stazioni di ricerca si trova sul ghiacciaio. Si tratta del secpondo distacco della zona negli ultimi due anni ed è avvenuta un decennio dopo che gli scienziati del British Antarctic Survey hanno rilevato per la prima volta la crescita di grandi crepe nel ghiaccio “. 

L’iceberg che si è staccato misura 1550 km 2, le dimensioni dell’area della Grande Londra. Ricordiamo che Milano copre un’area di 108 km 2 . ” Questo evento era previsto e fa parte del comportamento naturale della barriera di Brunt. Non è legato al cambiamento climatico “, ha commentato il professor Dominic Hodgson, scienziat del BAS. L’organizzazione misura accuratamente l’evoluzione del ghiacciaio , più volte al giorno, utilizzando una fitta rete di strumenti GPS. In questo modo gli scienziati sono in grado di identificare la deformazione del ghiaccio ei suoi movimenti, anche con l’ausilio di immagini satellitari.

Un rischio per la stazione di ricerca?

Per il momento, la stazione di ricerca di Halley non è minacciata… anche se gli scienziati britannici riconoscono che le esatte conseguenze degli eventi del parto rimangono difficili da prevedere, essendo la struttura della barriera eminentemente complessa. Già nel 2016 il BAS aveva preferito spostare la stazione di 23 chilometri nell’entroterra. Un anno dopo, fu presa la decisione di inviare personale solo durante l’estate antartica (tra novembre e marzo). 

tta buia nella provincia sud-occidentale di Guizhou in Cina.

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento