Il Giornale dei MARINAI News Ancora uno squalo bianco spiaggiato a Cape Cod

Ancora uno squalo bianco spiaggiato a Cape Cod


0
(0)

Ancora uno squalo spiaggiato a Cape Cod.

Lungo la spiaggia che ha dato origine alla leggenda di Jaws, il celebre film di Spielberg, un altro squalo, (circa 4 metri) è rimasto arenato. Era successo già i primi di settembre ad uno squalo poco più grande. Una folla di persone si era adoperata per cercare di salvare lo squalo che purtroppo, non ce l’ha fatta. Adesso gli scienziati cercano di fare chiarezza circa gli spiaggiamenti relativi a questa specie già in pericolo di estinzione.

Si tratta del terzo squalo trovato spiaggiato e tutti nel raggio di 30 Km. Il primo caso è accaduto a luglio, quando uno squalo ci circa 2 metri è stato trovato spiaggiato. Quella mattina alcuni ricercatori sono riusciti a ridare il mare allo squalo, il secondo caso invece è accaduto i primi di settembre ma lo squalo non è stato così fortunato come non lo è stato l’ultimo .La carcassa è state trasportata alla stazione biologica ed esaminata dal dottor Greg Skomal del Massachusetts Shark Research Program. Tutti gli squali non avevano segni di traumi e le 2 morti per adesso restano un mistero.

Sino a ieri gli scienziati erano convinti che gli altri due squali si fossero spiaggiati perchè in cerca di una preda che li ha portati sino a riva. Ma adesso il mistero si tinge di giallo…

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Riparte l’Aula sul mare: un progetto di educazione ambientale e velica nell’Area Marina Protetta Isole EgadiRiparte l’Aula sul mare: un progetto di educazione ambientale e velica nell’Area Marina Protetta Isole Egadi

0 (0) “Isole Egadi”, il progetto L’AULA SUL MARE”, un progetto di formazione marinaresca e integrazione giovanile sviluppato dall’Associazione sportiva dilettantistica Oxygene. Partito come progetto pilota, grazie alla partecipazione dell’Istituto