Ancora ecologica

Il Giornale dei MARINAI Nautica e barcheAncora ecologica
0
(0)

Ecco alcuni buoni motivi per usare un’ancora ecologica.

Non negatelo, è successo a tutti almeno una volta nella vita: nel momento di recuperare l’ancora dal fondo vi ritrovate con un cespuglio verde che pende dall’ancora. Che sia Posidonia o l’alga infestante caulerpa. Il risultato è lo stesso: i fondali marini vengono maltrattati e pian piano vanno incontro a distruzione.

I rampini delle ancore si attaccano alle radici, come aratri strappano tutto cio che trovano falciando i ripari che forniscono cibo e protezione alla fauna marina.
Anche se i fondali sono di differente composizione (roccioso o sabbioso) il risultato è identico ed è catastrofico. Oggi sono stati messi a punto dei sistemi di protezione dei fondali soprannominati “Ancoraggi ecologici”.

L’Ancora ecologica: Questi ancoraggi sono costituiti da manufatti in calcestruzzo senza additivi sintetici, e puo’ essere adottato su qualunque fondale, sia  marino che lacustre. Queste strutture sono collegate ad una boa a galla che permette l’ancoraggio da parte delle imbarcazioni. Sul fondo  sabbioso vengono poi calate questi moduli che con delle cime sono collegati alle boe. Man mano che la cima risale a galla vengono collegate 1 o 2 boe sotto la superficie per tenere in tensione la boa. Anche sul fondale i moduli hanno una struttura particolare: sono costruiti come delle piramidi forate che permettono in flusso naturale delle correnti evitando di intaccare anche il fondale su cui sono poggiate.

Sul fondale roccioso invece le boe possono essere collegate al fondale grazie a delle piccole perforazioni dove andranno installate degli occhielli. Sulla prateria di Posidonia invece viene installato una sorta di cavatappi che penetra sul fondale con un piccolo diametro e non distrugge ne il substrato ne le radici mantenendo l’integrità della vegetazione e del suolo.

Purtroppo i costi proibitivi di queste strutture non permettono a Comuni o ad Aree Marine Protette di installarli nelle loro acque. Ad oggi sono poche le AMP che utilizzano questi ancoraggi e con scarsi risultati.

Pensate che una sola ancora sul fondale puo supportare sino a sino a 2,5 tonnellate che non sono poche basti pensare che un veliero di 50 piedi sospinto da venti di forza 10 genera soltanto una trazione di 1,5 tonnellate. Ecco il motivo per utilizzare i gavitelli per ancoraggio all’interno delle AMP.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto