• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:25 Gennaio 2022

La deforestazione sta indebolendo gli stock ittici.

La riduzione della vegetazione potrebbe creare instabilità  nelle catene alimentari.

 

Maltrattando le foreste, con il tempo, i danni collaterali potrebbero infierire nei sistemi acquatici rendendo le popolazioni ittiche deboli e fragili.
lead_large
A stabilire queste connessioni dannose tra deforestazioni e ambienti acquatici sono stati i ricercatori dell’Università di Cambridge, studiando il corso d’acqua del Daisy Lake, nell’Ontario.  Questo corso d’acqua è stato scelto proprio perché ha sofferto di un disastro ecologico cominciato a metà del 1900 a causa di una moltitudine di industrie di fusione del nichel che hanno distrutto la vegetazione che cresceva ai bordi del fiume. Oggi, pian piano, gli alberi stanno ricrescendo ma la vegetazione è ancora frammentaria.

I ricercatori hanno analizzato alcuni avannotti di pesce persico  sia dalle zone più impattate, che in quelle meno impattate. Il pesce presente dove la vegetazione era più forte, era morfologicamente più grande e più in salute, invece il pesce campionato in zone dove la vegetazione era meno in salute, aveva delle caratteristiche particolari: era più piccolo e quindi con meno possibilità di sopravvivere ai predatori e di riprodursi.

Andrew Tanentzap dell’Università di Cambrige dice che sicuramente nelle zone dove il fiume trasporta più materia organica, vi è un benessere nella vita batterica che si tramuta in cibo per lo zooplancton per dare cosi una spinta nutrizionale ai pesci.

 Più nutrienti = più batteri = più zooplancton = più pesci

Con questa equazione Tanentzap ha presentato il risultati del suo progetto che porterà ad avere dei riscontri nella lotta alle deforestazioni.

Se la deforestazione continuerà in maniera scellerata ci dobbiamo aspettare degli impatti anche sulla catena alimentare umana.

Al momento stai visualizzando Anche la deforestazione sta indebolendo gli stock ittici.

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento