Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.

Il Giornale dei MARINAI NewsAbusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.
4
(19)

Continua, senza sosta, l’attività della Guardia costiera di Taranto, delle Autorità locali e delle Forze dell’ordine nel contrasto degli illeciti in ambito marittimo e portuale, con particolare attenzione al settore della miticoltura abusiva: un fenomeno che rientra a pieno titolo nel novero delle cd. attività illegali, con la violazione di molteplici disposizioni, nazionali e comunitarie, soprattutto a carattere sanitario.

Alle prime luci dell’alba del 18 ottobre è scattata l’operazione denominata “Oro di Taranto”: nome che prende spunto simbolicamente dal valore del pregiato mitile allevato nell’area tarantina e divenutone autentico patrimonio, ma che intende anche richiamare l’aspetto prettamente economico degli importi che l’illecita immissione sul mercato di prodotto vietato e irregolare avrebbe comportato, a danno dell’intero sistema della filiera-tracciata.

L’imponente attività di polizia ha visto operare al fianco della Guardia costiera, anche ASL di Taranto, Questura, Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri e Polizia locale, con la predisposizione – sia a terra, sia in mare – di un dispositivo operativo che ha permesso di bonificare un vastissimo specchio acqueo del primo Seno del Mar Piccolo di Taranto da impianti abusivi di mitili che ivi erano stati posizionati illegalmente.

In particolare, si tratta di allevamenti di cozze predisposti in corrispondenza di aree marittime che non possono essere assentite in concessione, per aspetti di sicurezza della navigazione e di natura sanitaria – regolamentati da specifici provvedimenti regionali – direttamente correlati alla salubrità del prodotto e, di riflesso, potenzialmente dannosi per la rinomata qualità del “marchio” cozza di Taranto, apprezzato sul mercato nazionale.

L’area bonificata, nello specifico, delle dimensioni di oltre 50.000 metri quadrati, risultava “invasa” da innumerevoli filari irregolari, impiegati per la coltivazione illegale delle cozze.

Per le ingenti attività di individuazione e rimozione del prodotto irregolare, il Centro Nazionale di Controllo Pesca del Comando generale della Guardia Costiera di Roma – cui è affidato il coordinamento dell’attività di verifica sulla filiera ittica sul territorio nazionale – ha inviato in area operazioni la NAVE DATTILO, unità maggiore della Guardia Costiera capace di assicurare il necessario contributo operativo per il buon esito di un’attività estremamente complessa.

Il personale dell’unità, sui quattro battelli veloci operanti in mare, con a bordo anche personale della locale Azienda sanitaria locale, è intervenuto congiuntamente ai sommozzatori del Nucleo della Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto, anch’essi inviati in area per le attività di bonifica e di sequestro degli impianti abusivi.

A garantire la necessaria cornice di sicurezza alle operazioni, anche ulteriori unità della stessa Guardia costiera e della Guardia di Finanza.

Le operazioni si sono concluse con il sequestro di 45 tonnellate complessive stimate di materiale – tra semi di mitile, cordame e galleggianti – utilizzato per la realizzazione per l’attività illecita, 22 delle quali di prodotto ittico, che si stima avrebbe consentito – una volta raggiunta la taglia di commercializzazione – di immettere sul mercato almeno 100 tonnellate di cozze, con un illecito guadagno – per la sola vendita all’ingrosso – di almeno 100.000 euro.

 Si tratta, come evidente, di un’attività che è sia finalizzata alla tutela della salute dei consumatori, prevenendo l’illecita immissione sul mercato di un prodotto non certificato per il consumo umano, sia volta a tutelare la “filiera-corretta” del settore, composta da operatori della storica miticoltura tarantina rispettosi delle norme e che si trovano a subire una concorrenza oltremodo sleale.

Non secondari, gli espetti di tutela della sicurezza della navigazione minati dal  posizionamento degli impianti abusivi oggi rimossi, privi peraltro di qualsiasi forma di segnalamento e concretamente pericolosi per le unità navali in transito, specie se di ridotte dimensioni.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4 / 5. Conteggio voti: 19

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

2 thoughts on “Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.”

  1. umberto ha detto:

    non è un po troppo scomodare una draga per dei mitili,in una fase di pandemia passata,ognuno forse pensa come sbarcare il lunario mi dico…nel mare dove abito posso capire oltre 1000 euro se prendi mitili nella varie dighe foranee e ingiunzione in tribunale ci puo’ stare secondo voi?non per ultimo ho notato che dove i mitili abbondavano sono quasi spariti,marina aereoporto,credo si usino delle sostanze che li fanno morire assieme a spirografi …n.d.r.grazie

  2. Cosimo Nardelli ha detto:

    Non è mai troppo tardi per assumere iniziative ed implementere politiche intese a tutelare e salvaguardare quel poco che resta (è questa, ormai, l’assai triste considerazione) nel nostro mare….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

OSSERVATA UNA RARA MEDUSA GIGANTE IN CALIFORNIA
4.3 (4) I ricercatori del Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) hanno osservato al largo
sorgenti-idrotermali Sorgenti idrotermali profonde : come prospera la vita a 400°
5 (2) La vita sulla terra è possibile grazie all’acqua, molti organismi sono capaci di
fatti-su-aragosta 26 Curiosità sulle aragoste
4.8 (5) Quanti tipi di aragoste esistono? Esistono al mondo ben 6 specie di aragoste
il-ciclo-vitale-del-pesce-spada Il ciclo vitale del pesce spada
4.4 (11) Il pesce spada (Xiphias gladius), il gladiatore del mare, un ottimo modo per
tonni e fenici Dallo stretto di Gibilterra alla Grecia. Il commercio del tonno in epoca fenicia
5 (6) V secolo AC, circa 2500 anni fa. Una nave fenicia sta salpando dall’area dell’attuale
Il ciclo vitale del tonno rosso
4.4 (22) Come una larva di 3 millimetri si trasforma in un gigante di 400