Il Giornale dei MARINAI News 5 tartarughe riprendono il mare

5 tartarughe riprendono il mare


0
(0)

Di nuovo libere, 5 tartarughe riprendono il loro viaggio dal mare della Penisola

Salvate e curate in inverno dal Centro Tartanet del Parco di Punta
Campanella e dalla Stazione zoologica di Napoli , le Caretta caretta
sono state rilasciate al largo del Capo di Sorrento

tarta giugno 2015Di nuovo libere. Hanno ripreso di gran lena il loro lungo viaggio attraverso il mediterraneo le 5 tartarughe salvate in inverno dal Centro Tartanet di Punta Campanella e curate dalla Stazione Zoologica
di Napoli. Le caretta caretta, a bordo del Gozzo Punta Campanella, sono state scortate al largo del Capo di Sorrento e qui sono state rimesse in mare. Venivano da mesi difficili, in cura dopo essere state recuperate dagli operatori del Parco Marino di Punta Campanella nei golfi di Napoli e Salerno. Difficolta’ di galleggiamento, infreddolite, ferite o pescate accidentalmente, tutte non avrebbero avuto chance di salvezza senza l’intervento del centro Tartanet e della Stazione zoologica A.Dohrn di Napoli. Altre 2, invece, purtroppo
non ce l’hanno fatta: una finita in una rete a strascico e l’altra circondata da alghe e alla deriva nel golfo. Sono molte le tartarughe in difficolta’ nel nostro mare. Plastica, ami, reti da pesca, i killer piu’ temuti per questi meravigliosi abitanti del mare. In 8 annidiattivita’ il Centro di primo soccorso del Parco ne ha recuperate circa 150, soprattutto nel golfo di Salerno, grazie alla sensibilita’ di molti pescatori. Di queste, la grandissima maggioranza, dopo le cure necessarie, e’ stata rimessa in mare. Come le 5 fortunate che oggi, dopo uno stop forzato durato alcuni mesi, hanno ripreso il loro affascinante viaggio attraverso i nostri
mari.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche