In Sicilia sono venuti alla luce 36 lingotti di oricalco, il misterioso metallo di Atlantide.

Risalgono a 2600 anni fa. Per Platone era il misterioso metallo di Atlantide.

 

Sono ben 36 i lingotti di oricalco ritrovati nei fondali della Sicilia. Ritrovati dalla Guardia di Finanza e dalla Capitaneria di Porto nel mare di Gela, il bottino si trovava nei pressi di un’imbarcazione affondata nelle acque siciliane più di 2500 anni fa. Le prime analisi effettuate tramite la tecnica della fluorescenza ai raggi X mostrano la composizione dei lingotti fatti da rame per l’80% e zinco per il 15% con tracce di nichel, piombo e ferro. I rusltati sono stati entusiasmanti tanto da richiamare il mito di Atlantide. Questa rara lega infatti, descritta da Platone, è legata alla misteriosa Atlantide, l’isola perduta.

lingotti-900x258 39 lingotti di Oricalco riportati alla luceL’oricalco di Atlantide. Verità o leggenda?

L’origine dell’oricalco è ancora oggi dibattuta. L’ipotesi più concreta è quella che provenga dall’Asia Minore.
Il termine “oricalco” deriva originariamente dal greco antico ορειχαλκος, oréichalkos, più esattemente”rame dalla montagna” (da ὄρος, óros, “monte” e χαλκός, chalkós, “rame”). Nelle successive trascrizioni latine il prefisso óros venne adattato ad āurum, “oro”, cosicché aurichalcum significava letteralmente “rame d’oro” o “rame dorato
 “L’oricalco, lega di colore molto simile a quella dell’oro, a quel tempo era uno dei metalli più pregiati, impiegato soprattutto per decorare armature e templari.”
oricalco-sicilia-italia-1 39 lingotti di Oricalco riportati alla luce
Insieme ai lingotti sono stati ritrovati anche una macina di pietra lavica ed una statua che raffigura la Dea Demetra. I reperti saranno espoisti presso il museo archeologico di Gela.

 

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui