CONDIVIDI

La pesca a spinning: come praticare questa tecnica e… “che esci pigliare”.

La pesca a spinning e’ una pesca indirizzata alla ricerca di pesci predatori, siano essi marini o d’acqua dolce. Una storia, quella della pesca a spinning che si perde nella notte dei tempi. Infatti già Oppiano nel suo libro Halieutica parlava della pesca a spinning fatta con artificiali . La pesca a spinning prende il nome proprio dal movimento impresso all’esca artificiale (dall’inglese to spin che significa ruotare). Nata principalmente per catturare le prede con i cucchiaini rotanti. Esche artificiali lanciate e recuperate velocemente in maniera da stimolare l’istinto del pesce grazie anche alle vibrazioni prodotte in acqua. Oggi tali esche si sino trasformate e vengono prodotte in metallo, silicone, legno o plastica. Le esche più comuni rimangono comunque i cucchiaini che si dividono in ondulanti o rotanti, che grazie ad una paletta metallica che ruota attorno all’asse centrale, luccicano in acqua attirando le prede. I cucchiaini da spinning sono inoltre dotati di un piccolo piombo che permette di aumentare la distanza di lancio ma anche la discesa la in profondità durante il recupero. Il pesce predatore si getta a capofitto innervosito dall’esca, dalle vibrazioni o magari anche soltanto dal colore. I cucchiaini trovano impiego nella pesca a spinning per le trote, ma vengono anche usate in mare (anche se con meno frequenza) per la cattura delle spigole nel sotto-costa.

Esche da spinning: minnow, jigs,  jerkbait, crank bait, spinnerbait e buzzbait, esche siliconiche.

artificiali per la pesca a spinningL’evoluzione naturale dei cucchiaini ha visto imporsi sul mercato i minnow, dei pesciolini di plastica muniti di ancorette che ricreano in mare una piccola preda che scappa. Nella pesca a spinning e’ importantissimo il movimento impresso sull’esca nella fase di recupero. Una recupero troppo veloce o, al contrario troppo lento, potrebbe non attirare la nostra preda.

L’attrezzatura per la pesca a spinning

La pesca a spinning non a bisogno di grandi attrezzature. Non ha bisogno di una preparazione eccessiva come la ricerca dell’esca. In teoria bastano una canna da pesca, un mulinello ed un artificiale da lanciare in acqua. Le canne da pesca solitamente sono abbastanza corte. Per la pesca tra i torrenti in montagna infatti la lunghezza ideale e’ compresa tra 1,70 e 1,80 metri invece nei laghi la lunghezza della canna può anche arrivare a 2,5 metri.

Lo spinning: una pesca dinamica alla ricerca della preda

spigola a spinning, pescare a SpinningSicuramente una pesca dinamica dovuta al fatto che il pescatore deve andare alla ricerca della preda. Sia essa praticata in mare o in acqua dolce, la pesca a spinning e’ un continuo “lancia e recupera” in associazione con spostamenti lungo i litorali. Una pesca che spesso da risultati poco esaltanti per il fatto stesso che la cattura e’ a spinning non e’ cosi frequente. Infatti sono in tanti ad abbandonare questa tecnica dopo averla provata per la prima volta. Ma la pesca a spinning e’ fatta di sacrifici e insistenza. Prove e test per cercare di essere più furbi del pesce. Testare artificiali differenti, colori differenti, profondità differenti sino a riuscire infine a catturare l’agognata preda. La pesca a spinning e’ praticata in tutta Italia, in particolare in acque dolci per la pesca al black bass e al mare per la pesca alla spigola. Quest’ultimo pesce infatti  e’ preda d’eccellenza per la pesca a spinning. Sulle coste di Francia e Spagna la spigola viene pescata regolarmente a spinning, non solo in mare ma anche nei canali salmastri. Da qualche tempo questa pesca viene praticata anche in Italia. Basti pensare alle magnifiche catture di Federico Bertelli nel parco di San Rossore. Ma in mare la spigola non e’ la sola preda. Infatti non e’ difficile imbattersi in pesci serra, lecce, barracuda o magari lampughe che girano sotto-costa e piccole ricciole. Naturalmente la pesca a spinning si può praticare sia da terra che in barca. La pesca a spinning dalla barca viene praticata soprattutto se siamo in presenza di predatori pelagici in frenesia alimentare.

Cosa vi consigliamo se siete neofiti e volete sapere come pescare a spinning

pescatore a spinningNaturalmente non parliamo di marchi ed evitiamo di fare pubblicità. A voi libera scelta nello scegliere il prodotto. Se non avete mai praticato lo spinning e volete provarlo per la prima volta potete farlo senza spendere una fortuna in un’attrezzatura che magari non utilizzerete di frequente.

Canne da spinning medie, potenza da 10-30 o 10-40 grammi. Che siano però canne costruite per lo spinning e non canne da pesca adattate (il risultato potrebbe essere disastroso). Per una canna di discreta qualità potete spendere anche meno di 25 euro. Evitate canne superiori ai 2,20 metri di lunghezza e cercate invece canne da spinning a due pezzi (migliore azione di pesca). Il mulinello da spinning invece deve essere il vostro migliore amico. Resistente e veloce, possibilmente a doppia bobina per poter inserire filo di diametro diverso a seconda delle necessità. Modelli leggeri da 300 o 4000 si possono trovare anche con meno di 25 euro.

Il filo da pesca invece richiede un discorso a parte. Ma se siete dei neofiti il consiglio e’ di utilizzare un filo di nylon da o,25 mm a 0,30 mm.

Esche da spinning: a voi la scelta se volete testare. Il consiglio e’ comunque di avere con se minnow , rotanti e teste piombate.

Non dimenticare di avere con voi dei moschettoni per l’aggancio dell’artificiale al trave, forbici, slamatone, guadino ed uno straccio.

L’azione di pesca a spinning.

Se allora volete veramente provare questa emozione non vi resta che recarvi sul luogo di pesca e cercare di catturare qualche preda. Cominciate con lanci corti e recuperi a velocità variabile.  Il pesce non e’ sotto la vostra esca e dovete cercarlo. cominciate a spostarvi lungo il litorale, continuate a lanciare e recuperare. Come abbiamo già detto la pesca a spinning non da’ grandi risultati in termini di quantità. Ma sicuramente li da’ in qualità del pescato. Una pesca che può essere considerata altamente selettiva che in un certo modo rispetta il mare e l’ambiente (anche se si tratta sempre di pesca) ed estremamente divertente. Forse il vero significato di pesca sportiva.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO